Calcio scommesse, l’Atalanta scarica Doni

Calcio scommesse, l’Atalanta scarica Doni

calcio scommesse doni scaricato atalanta

E’ arrivato a casa di Cristiano Doni un regalo amarissimo in questo giorno di Natale: l’Atalanta, squadra di cui era bandiera e che l’ha sempre difeso nella bufera del calcio scommesse, ha preso le distanze dal giocatore con un comunicato ufficiale apparso in mattinata sul sito ufficiale della società nerazzurra. C’è da capire se si tratta di una mossa difensiva per allontanare i sospetti di un coivolgimento della dirigenza, ma a chiarire il dubbio ci penseranno gli inquirenti.

“L’Atalanta Bergamasca Calcio SpA prende atto con sorpresa e grande amarezza delle dichiarazioni, come riportate dagli organi di stampa, rese venerdì davanti al Gip di Cremona dal proprio tesserato Cristiano Doni, della cui estraneità ai fatti contestatigli era sempre stata, in buona fede, fermamente convinta. L’Atalanta esprime la propria fiducia nella magistratura e una volta concluso l’iter giudiziario si riserva di agire con tutta la necessaria fermezza, in ogni possibile sede, contro chiunque abbia danneggiato la sua storia, la sua immagine e la sua onorabilità. Questo anche nell’interesse di tutti coloro che si stanno prodigando con il massimo impegno e spirito di abnegazione per consentire alla squadra di ottenere gli attuali prestigiosi e meritati risultati sportivi, nonché di tutta l’appassionata tifoseria nerazzurra, che, anche in questo difficile e delicato momento, la sta sostenendo con il solito impareggiabile calore”.

Per Doni una doccia fredda perché aveva sempre contato sull’appoggio incondizionato della società. Le prime crepe nei giorni scorsi quando gli ultrà hanno esposto alcuni striscioni che c’han fatto capire che i titoli di coda stanno scorrendo sul rapporto tra Atalanta e l’ex capitano.

320

Segui NanoPress

Dom 25/12/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08