Francia, parla la madre di Domenech

Francia, parla la madre di Domenech
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

SOUTH AFRICA SOCCER FIFA WORLD CUP 2010

La crisi che la nazionale transalpina sta attraversando e che la stampa sta ampiamente riportando, è forse senza precedenti e bisogna indietreggiare moltissimi anni per poter ritrovare una formazione bleus così allo sbando.

Ad ogni sconfitta e tonfo francese, gli irlandesi di Giovanni Trapattoni festeggiano, in una sorta di karma che non sta risparmiando Henry e compagni, non meritevoli di presenziare alla 19esima edizione del Mondiale, dopo l’autentico furto compiuto nello spareggio contro l’Eire. Tutti puntano il dito sull’operato di Raymond Domenech, un passato da attore teatrale, alla guida della selezione Under-21 per 11 anni, poi la Francia nazionale ma la sua era è agli sgoccioli e dopo la kèrmesse, “l’impostore” secondo i tabloid senza scrupoli, andrà via in modo definitivo. Troppo pesante la sconfitta incassata dal Messico, un flop generalizzato di gioco ed identità che mette a serio rischio il passagio agli Ottavi di Finale, in un girone in cui sono le sudamericane a imporsi senza problemi. Ma Raymond può contare sull’appoggio, sincero e senza secondi fini dell’unica persona al mondo in grado comprendere il suo burrascoso stato d’animo, la madre: “Mio figlio è molto toccato, sta male ma mi ha detto “non te la prendere, ogni giorno penso a te”. Parole che potrebbero ridare un briciolo di serenità al tecnico di Lione.

267

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 22/06/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08