Gilardino fa grande il Genoa e sogna l’azzurro

Gilardino fa grande il Genoa e sogna l’azzurro

gilardino

Alberto Gilardino si è fatto portavoce del momento magico che sta attraversando il Genoa. La formazione di Pasquale Marino sembra essere rinata in campionato, trasformandosi in un vero e proprio schiacciasassi ammazzagrandi che non lascia scampo quando gioca davanti al suo pubblico assiepato sugli spalti del Ferraris. Neanche l’ondata di gelo e le temperature polari sembrano poter fermare la marcia del Grifone che in serie ha messo sotto Udinese, Napoli e Lazio. L’arrivo di Marino subentrato a Davide Ballardini e il puntellamento dell’organico nella finestra invernale di mercato hanno messo le ali all’undici del patron Preziosi, su questi presupposti nessun obiettivo è precluso.

Gilardino punta alla maglia azzurra
Inutile nascondere l’importanza di avere in squadra uno come Alberto Gilardino prelevato dalla Fiorentina e al bacio quando l’attaccante piemontese gioca e fraseggia con Palacio. La coppia già ben consolidata si rivela puntualmente una spina nel fianco di qualsiasi retroguardia, ne sanno qualcosa l’Udinese, il Napoli e ultima in ordine di tempo la Lazio di Reja che ha pagato dazio al Ferraris come le altre illustri colleghe. L’ex punta viola non ha nascosto di trovarsi a meraviglia con i nuovi compagni di squadra, promettendo di voler continuare a dare il suo contributo anche in vista degli Europei in Polonia-Ucraina.

L’ex viola strizza l’occhio a Prandelli
“So che non è facile, la mia prima parte di campionato non è infatti stata particolarmente brillante. Ora però sto bene, ho voglia di fare un grande finale di stagione e riconquistare la maglia azzurra è un mio obiettivo. Voglio andare agli Europei, ma so perfettamente che la Nazionale sarà una conseguenza di quello che farò nei prossimi tre mesi con la maglia del Genoa. Per essere convocato a maggio in nazionale, dovrò andare alla grande. A fine febbraio l’Italia giocherà un amichevole contro gli Stati Uniti proprio a Genova. E poter ritrovare la maglia azzurra nello stadio dove gioco ogni domenica sarebbe fantastico” – ha detto il biellese. Dare il massimo anche al Massimino di Catania domenica prossima per far decollare il Grifone in classifica (30 punti, nono in classifica e una gara da recuperare) e sperare di rientrare nelle scelte di Cesare Prandelli in vista dell’amichevole di lusso contro gli Usa. A Catania Gila non scemderà in campo vittima di un infortunio. La punta si è procurata uno stiramento al muscolo soleo del polpaccio che lo terrà lontano dai campi per almeno 3 mesi. Acciacco a parte, la convocazione di fine febbraio non sarebbe una garanzia di presenza a Varsavia e Kiev, di certo però rappresenterebbe un’iniezione di fiducia a dare il meglio.

534

Segui NanoPress

Ven 10/02/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08