La Juve mette la terza e va a -2 dal Milan

La Juve mette la terza e va a -2 dal Milan
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

juventus napoli 2 milan

La Juventus infila la terza vittoria consecutiva e vola a soli due punti dalla vetta di Serie A. I bianconeri con la vittoria sul Napoli tornano a mettere pressione sul Milan, fermato sabato dal Catania sul pareggio e furente per la mancata convalida del gol di Robinho. Gli uomini di Conte sono tornati a correre: nelle ultime 3 partite 10 gol fatti e nessuno subito. E’ dal 7 marzo che Buffon non raccoglie la palla in fondo alla propria rete in campionato: era il 17 minuto del primo e Di Vaio certificava la crisi della Juve che si vide superare dai rossoneri. Ma adesso le parti si sono invertite e i punti di distacco sono solo 2.

Napoli deludente
I tifosi del Milan speravano in un colpaccio degli uomini di Mazzarri, lanciati verso il terzo posto ora occupato da una Lazio in crisi d’identità, ma pure i partenopei si sono dovuti inchinare alla legge dello Juventus Stadium. Il primo tempo è deludente: i bianconeri fanno la partita e sfiorano il gol con Borriello (beccato per tutta la partita dai suoi sostenitori) e Vidal. Il Napoli arranca e dopo 25 minuti perde Maggio (problema ai flessori): l’unica occasione è sui piedi di Hamsik che si presenta davanti a Buffon, ma poi non riusciva a mettere in rete grazie all’intervento dell’estremo difensore di casa. All’intervallo 0 a 0: poco spettacolo e per Conte unica nota positiva la forma fisica di Marchisio e Vidal tornati a i livelli di inizio anno. E questa sarà la chiave dell’incontro.

A tutta Juve
Sì perché i bianconeri vincono sempre la guerra a centrocampo e l’equilibrio si spezza a inizio ripresa quando Bonucci devia fortunosamente un tiro di Vucinic in mischia. Sarebbe anche fuorigioco, ma è praticamente impossibile vederlo. Il vantaggio è meritato perché, nonostante il gioco latiti tra le due squadre, la Juve ci ha messo almeno la grinta. Pochi minuti dopo Vucinic raddoppia, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco che stavolta non c’è. Il Napoli prova a far qualcosa, ma stasera Cavani è un fantasma al cospetto di un Barzagli eccelso. A chiudere il match ci pensa Vidal con un eurogol: doppio passo su Campagnaro e sinistro portentoso. Sul 2 a 0 il Napoli sparisce e tocca all’ex Quagliarella prendersi la scena per il gol che vale il 3 a 0 e la vendetta sulla sua ex squadra.

I commenti
Antonio Conte è lo specchio della felicità: “Nelle ultime due settimane abbiamo ottenuto vittorie molto importanti contro Inter e Napoli, squadre che a inizio stagione dovevano sulla carta fare meglio di noi. Battere il Napoli è motivo d’orgoglio, perché loro hanno due anni e mezzo di lavoro in più rispetto a noi e hanno fatto la Champions. Non posso che ringraziare i miei giocatori che hanno fatto qualcosa di straordinario. E sentire la gioia dei tifosi è stato bello. Lo scudetto? Penso che possa perderlo solo il Milan, che per qualità è numeri dell’organico è superiore a tutti. Noi ora siamo una certezza, ed essere a 2 punti dalla capolista a 8 giornate dalla fine dà forza e coraggio a giocatori e ambiente“. Ad Allegri, che aveva criticato Marotta per le continue lamentele sugli arbitri, nessuna risposta diretta, ma scaricare la responsabilità di una vittoria è un buon modo per mettere ulteriore pressione.

649

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Lun 02/04/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08