Olimpiadi 2012, taekwondo: Molfetta vince l’oro con una grandiosa rimonta

Olimpiadi 2012, taekwondo: Molfetta vince l’oro con una grandiosa rimonta

olimpiadi 2012 taekwondo molfetta

Carlo Molfetta ha vinto l’oro nel taekwondo alle Olimpiadi di Londra 2012 nella categoria +81 chilogrammi. Il brindisino ha compiuto un’impresa incredibile rimontando dal 6-1 con cui aveva chiuso la prima ripresa ai danni del gabonese Obame, La seconda ripresa ha visto timidi segni di ripresa dell’azzurro che si è portato a soli 3 punti dall’avversario, Il miracolo nell’ultimo parziale quando ha chiuso il gap fino al 9-9 portando la sfida al supplementare. L’extra time si è chiuso sullo 0-0 e la palla è passata ai giudici che hanno premiato Molfetta.

La strada per la finale
Carlo Molfetta è in caccia dell’oro nel taekwondo +80 kg alle Olimpiadi di Londra 2012. Dopo le delusioni ad Atene e Pechino il brindisino ha sbaragliato gli avversari conquistando con merito il diritto ad accedere alla finale. Stasera alle 23.30 sarà opposto al gabonese Obame che è riuscito nell’impresa di regalare la prima medaglia al proprio paese. L’azzurro ha battuto per 6-4 Keita nella semifinale con finale thrilling a basi di ricorsi. Anche nei quarti il passaggio del turno contro il cinese Lu Xiaobo era arrivato in modo rocambolesco.

Il bronzo di Sarmiento
Mauro Sarmiento ha vinto la medaglia di bronzo nel torneo di taekwondo alle Olimpiadi di Londra 2012. L’atleta originario di Casoria ha sconfitta nel match decisivo l’afghano Bahawi con il risultato di 4-0, maturato negli ultimi secondi dopo tre riprese vissute sul filo di lana. L’azzurro con la sua altezza soffre gli avversari veloci e agili e deve ricorrere agli straordinario per bissare la medaglia olimpica di Pechino 2008 (fu un argento in quell’occasione). E’ la 21°medaglia dell’Italia, l’ottava di bronzo dopo quella raggiunto di Mangiacapre nella boxe.

La beffa in semifinale
Sarmiento era arrivato alla finale del bronzo dopo la sconfitta nei quarti per “mano” dello spagnolo Nicolas Garcia Hemme, da considerare una vera e propria beffa. In svantaggio di un solo punto per tutta la durata dell’incontro ha trovato il pari a 4 secondi dal termine. Quando tutto sembrava al golden point lo spagnolo ha trovato un incredibile punto a un attimo dalla fine regalandosi la finale. Nei turni precedenti il nostro atleta aveva eliminato Abouraim e il fortissimo azero Azizov. “Peccato che non sono potuto accedere alla finale per l’oro, ma mi sono riconfermato dopo l’argento di Pechino. E’ una gioia immensa dopo tanti anni di sacrifici e la dedica è per mia figlia Sofia che nascerà tra poco. E’ una conferma perché mi sono battuto con atleti forti e più giovani: molti li ho battuti con la testa“, le parole dell’atleta a fine incontro.

520

Segui NanoPress

Sab 11/08/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08