Spagna-Italia: 1-1, Di Natale chiama e Fabregas risponde. Le pagelle degli azzurri

Spagna-Italia: 1-1, Di Natale chiama e Fabregas risponde. Le pagelle degli azzurri

Italia-Spagna, immagini della partita

Spagna-Italia: 1-1. Si conclude così l’esordio degli azzurri. Gli uomini di Prandelli spaventano i campioni d’Europa e del Mondo andando in vantaggio con Di Natale a coronamento di un’azione splendida di Pirlo, ma sono raggiunti da Fabregas 4 minuti dopo con una grande giocata di Silva. L’Italia stupisce: ci aspettavamo un’imbarcata, ma abbia trovato un pareggio che può far molto sul piano morale. Nel finale la roja ci spaventa con Torres, ma El Nino ci grazia. I brividi ci sono però anche per gli spagnoli con un tocco sotto porta di Di Natale su assist illuminante di Giovinco subentrato a Cassano nella ripresa e con un’azione brasiliana di Marchisio.

  • Italia-Spagna
  • Italia-Spagna, cassano
  • Italia-Spagna  (2)
  • Italia-Spagna  (3)
  • Italia-Spagna  (4)

Il primo tempo
L’Italia è uno spettacolo: soffre il giusto sulle accelerazione di Silva, Iniesta e Fabregas e come da promessa attacca a pieno organico andando più volte vicina al gol. I dubbi della vigilia sembrano fugati dopo il primo quarto d’ora: densità centrale e capacità di ribaltare l’azione in pochi tocchi. Ottimo l’impatto di Giaccherini, moto perpetuo, che non sembra avere patito nessuna tensione: Prandelli ha azzeccato la formazione. Le occasioni per gli azzurri sono per Pirlo al tredicesimo su punizione invitante, per Cassano che impegna Casillas con un destro impravviso. La Spagna nel finale guadagna metri, ma è ancora l’Italia a farsi preferire. Splendida l’azione corale che porta al sinistro al volo di Marchisio che trova pronto Casillas: tutto era nato da un gran recupero di tacco di Balotelli. Mario motivatissimo e anche troppo: ammonito per un fallo su Jordi Alba. Intorno al 45esimo il match si accede: prima Iniesta arma il destro poi Thiago Motta sfiora il gol con un colpo di testa su cui Casillas si supera per tenere la porta spagnola inviolata. A metà partita 0-0, ma Italia decisamente avanti ai punti.

Il secondo tempo
Succede tutto nella ripresa: la Spagna esce dagli spogliatoi sull’onda delle urla di Del Bosque e la differenze si vedono. In tre minuti Fabregas, Xavi e Iniesta sfiorano la rete. Soprattutto il match winner della finale mondiale fa venire i brividi a tutto lo stivale con diagonale mancino. Poi Balotelli recupera un pallone su Sergio Ramos e vola verso la porta, ma si addormenta subendo il recupero dello stesso. E’ l’ultima cosa di Balo in questa partita: entra Di Natale e l’Italia passa. Giocata eccelsa di Pirlo che infila il centrocampo della Spagna e serve Di Natale che si vendica del rigore sbagliato 4 anni fa nei quarti di Euro 2008. La gioia dura poco: Silva si inventa un filtrante per Fabregas che conclude facilmente per l’1 a 1. La Spagna spinge e Torres spreca due contropiedi invitanti. Ma l’Italia c’è: Giovinco illumina per Di Natale che in mezza rovesciata non trova la porta. Poi Marchisio parte dalla propria trequarti e arriva fino in porta saltando uomini con un crescendo rossiniano: il tiro è centrale. Peccato sarebbe stato un eurogol. Finisce e il pareggio può andarci bene. Ci siamo e possiamo arrivare lontano.

Le pagelle degli azzurri
Buffon 7: sempre pronto su ogni tentativo spagnolo. Salva l’Italia con una deviazione su diagonale di Iniesta e dà sicurezza a tutto il reparto con uscite tempestive. La vicenda scommesse sembra averlo caricato.

De Rossi 7: fuori ruolo gioca una partita praticamente perfetta. Il metro che lascia a Silva in occasione del pareggio è un peccato veniale davanti ai maestri spagnoli. Contro le altre servirà in mezzo al campo con le sua qualità, ma ha convinto con il 3-5-2.

Chiellini 6: Preciso, ma non scintillante. Fa a sportellate come suo solito e porta la carica agonistica che serviva per contenere le sfuriate della Spagna. Si affianca a De Rossi e ne segue la regia difensiva con poche sbavature.

Bonucci 6-: Il meno brillante del reparto difensivo. Perde la bussola nel finale di partita quando si trova spesso preso nel mezzo a Jesus Navas e Torres, ma nel complesso gioca una gara sufficiente. Anche per lui il calcioscommesse è relegato in Italia.

Maggio 6+: Dinamico e molto presente sul binario di destra. Cercato spesso sforna pocchissimi cross, ma si fa trovare sempre pronto in copertura e non difetta sul piano della personalità. Promosso, da rivedere nella fase offensiva quando ci sarà da portare pressione.

Giaccherini 6: Fantasmino utilissimo nel centrocampo italiano. Soffre con Jesus Navas nel finale, ma non è un terzino e nella prima parte del match recupera un gran numero di palloni spezzando le trame avversarie. La fase offensiva è da migliorare, ma è da capire se il 3-5-2 sarà il modulo di Euro 2012. Esce per Nocerino (s.v.) nel finale.

Pirlo 7-: Illuminante l’assist per il gol di Di Natale e quando ha spazio fa vedere ancora che si tratta del miglior giocatore italiano. A volte però è impreciso in fase di impostazione e subisce le aggresioni di Busquets nelle ripartenze azzurre. Ma sarà sempre così con Croazia e Irlanda.

Thiago Motta 6: Fa un gran lavoro oscuro, ma a volte difetta di precisione. Potrebbe dare la svolta nel finale di primo tempo con un colpo di testa disinnescato da un gran Casillas.

Marchisio 6,5: Primo tempo praticamente senza farsi mai vedere a parte un sinistro che se fosse entrato gli avrebbe falso il Pallone d’oro. Nella ripresa aiuta a contenere e poi indovina uno slalom eccezionale che avrebbe meritato ben altra fortuna. E’ l’ulomo che ci può far fare la differenza con le sue incursioni.

Cassano 6: Non ancora al meglio della forma, fatica spesso a trovare la posizione, ma si rende pericoloso due volte con le sue tipiche entrate in area da destra. Sostituito da Giovinco nella ripresa, sarà più utile contro difesa chiuse con i suoi colpi di genio.

Balotelli 5,5: Tanta volontà e il solito agonismo a volte fuori luogo. I numeri ce li ha e si vede. Si addormenta a campo aperto in un’azione che gli avrebbe potuto regalare la palma di migliore in campo. Da rivedere

Giovinco 6,5: E’ il più in forma dei nostri e lo fa vedere nell’ultima mezz’ora. Salta gli uomini con facilità e trova soluzioni importanti che potrebbero regalarci il secondo vantaggio. Contro la Croazia potrebbe partire dal primo minuto.

Di Natale 8: Il migliore. Entra tocca un pallone e la mette in rete. Cosa volete di più? Mette in apprensione tutta la statica reotrguardia spagnola con la sua velocità. Potrebbe raddoppiare, ma va bene così. E’ il nostro uomo in più e può essere determinante.

Ap/LaPresse

1207

Segui NanoPress

Dom 10/06/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08