Test F1 Mugello 2012, Ferrari in risalita

Test F1 Mugello 2012, Ferrari in risalita
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

test mugello f1 2012 ferrari in risalita

Si sono conclusi ieri i test F1 Mugello 2012 con l’ultima giornata a disposizione dei team per provare nuove soluzione tecniche in vista del Gp di Spagna che si correrà dall’11 al 13 maggio sulla pista del Montmelò nei pressi di Barcellona. La Ferrari ha iniziato sulle colline toscane il programma di aggiornamenti alla vettura necessari per riportare la Rossa a contatto con i primi. La F2012 non è nata sotto una buona stella, ma l’incubo dei primi quattro gran premi è stato spazzato via dalla vittoria di Alonso a Sepang che ha permesso all’asturiano di non accusare troppo distacco nella classifica mondiale, nonostante un mezzo decisamente inferiore. Da qui l’importanza cruciale di questi test che hanno visto la monoposto del Cavallino Rampante autrice di spunti positivi.

La giornata di ieri
I test sono stati influenzati dal meteo, ma nell’ultima giornata è stato possibile vedere finalmente le novità tanto attese. Chi si aspettava una rivoluzione è rimasto deluso, ma il nuovo disegno degli scarichi e altri piccoli particolari hanno portato a fine giornata Alonso a soli 3 decimi da Grosjean, il più veloce con la sempre più sorprendente Lotus. A fine mattinata un piccolo incidente ha tolto 2 ore di lavoro al team di Maranello e nel pomeriggio, complice anche un forte vento, il nuovo alettone posteriore non ha dato vantaggi apprezzabili. Il grosso dell’aggornamento sarà pronto per le prove libere del Gp di Spagna quando probabilmente verrà utilizzata anche una versione del F-Duct montato sulla Mercedes. Dare un responso definitivo è complicato perché i tempi sono legati ad una grande quantità di fattori che non conosciamo, ma aver visto Alonso fare un buon tempo con le gomme dure aiuta a guardare con ottimismo verso il futuro dopo le batoste prese in Cina e Bahrain.

Alonso cauto
La cautela è d’obbligo: si corre il rischio di essere smentiti dalla pista. Per questo Fernando Alonso c’è andato con i piedi di piombo nelle diciarazioni post test: “Ci sono ancora due o tre pezzi importanti per la vettura che arriveranno a Barcellona, che speriamo funzionino bene. Sappiamo però che tutte le squadre faranno un passo avanti importante a Barcellona, quindi il nostro dovrà essere più grande del loro se vogliamo recuperare terreno“. Interessante anche il programma che l’asturiano delinea per l’evoluzione della F2012: “Qui avevamo pochissime cose nuove, avendo scelto di puntare tutto su Barcellona dove arriverà un primo grande sviluppo al quale ne seguiranno altri in Canada e Valencia. Ma sono soddisfatto del lavoro fatto”. E noi speriamo di poterne godere nel prossimo Gp.

516

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 04/05/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress News, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata presso il Tribunale di Milano n°3 314/08